Pacman: che ne pensate?

Discussioni su medicinali, gomme ed erbe, tecniche e supporti vari che "dovrebbero" aiutare a smettere di fumare.

Pacman: che ne pensate?

Messaggioda MagaCirce » 28/06/2012, 10:15

Stamattina ho trovato questo:

http://www.repubblica.it/salute/ricerca ... ef=HREC1-5


Potrebbe essere un aiuto per chi proprio non ce la fa a staccarsi dalle sigarette.
Se non altro chi fa la ricerca sembra aver inquadrato il problema come una vera dipendenza, non come un mero vizietto....
Voi che ne pensate?
Immagine
Avatar utente
MagaCirce
 
Messaggi: 2120
Iscritto il: 21/03/2012, 12:15
Località: Prov. di Siena

Re: Pacman: che ne pensate?

Messaggioda semola » 28/06/2012, 10:56

A pensarci però questo vaccino farebbe una cosa ben strana.
Se ho capito bene impedisce alla nicotina di raggiungere il cervello. Quindi alla fin dei conti non ti fa passare la voglia di fumare; quella te la tieni solo che anche se cedi, e fumi, non ne ricavi piacere perché la nicotina non raggiunge più il cervello e non scatena più tutti quei meccanismi di piacere ecc. ecc.

A pensarci bene è terribile :)
Un enorme trappolone: il tuo cervello ti chiede una cosa (la nicotina) ma anche volendo non gliela puoi dare perché se la introduci nel tuo sangue fumando, il tuo corpo le impedisce di arrivare al cervello.
Pazzesco come funzioniamo e cosa possono fare i farmaci!

In generale penso però che come al solito questi trattamenti magari aiutano, ma solo in parte perché non intaccano tutti quei meccanismi di abitudine e di dipendenza psicologica (o cosidetta). L'ago della bilancia alla fine secondo il mio parere lo fanno sempre gli effetti collaterali.

A me la cosa che fa rabbia è questa: i farmaci per aiutare a smettere di fumare sono un business. Ovviamente altri approcci più orientati a dare supporto alla persona non lo sono, perché non ti devono vendere niente. Così da una parte ci sono soldi a palate investiti della ricerca farmaceutica, e fondi pochi o nulli per attivare i vari corsi di supporto nelle asl. Lo dico perché io per esempio ne volevo cominciare uno e all'ultimo momento l'hanno tolto per motivi di budget.
Eppure tempo fa cercando di studiare per bene la cosa, ho trovato alcune ricerche che sembravano dimostrare come l'approccio del gruppo terapeutico si dimostrasse tra i più efficaci sul lungo periodo...
Respira, sei vivo!
31 marzo 2012
semola
 
Messaggi: 453
Iscritto il: 09/06/2011, 18:16

Re: Pacman: che ne pensate?

Messaggioda MagaCirce » 28/06/2012, 11:08

Tutto verissimo quel che dici semola, ho voluto segnalare l'articolo perchè in generale sembra che il fumo non costituisca un grosso problema, cosa che invece come ben sappiamo è. Sai la mia storia, io ho contribuito a rimpinguare le case farmaceutiche ;) , e a ben guardare ho usato un farmaco che "ha ingannato" il mio cervello (la vareniclina spenge i recettori della nicotina). Ovviamente mi è rimasta la componente psicologica, quella non c'è farmaco che ti aiuti a risolverla, neppure questo presunto vaccino, ma nella mia esperienza ho notato che sono riuscita a lavorare meglio su me stessa potendo subire molto meno le crisi di astinenza, anzi qualche volta mi sento anche un pò in difetto rispetto a tutti voi che avete passato momenti assai difficili :) anche se poi mi dico che smettere con sofferenza non è più meritorio che smettere senza soffrire: ciò che conta è il risultato e il benessere personale.
Per quanto riguarda la mancanza di fondi per il sostegno psicologico da parte del SSN hai no ragione ma ragionissima! In un post di Uma le hanno detto che possono prenderla a ottobre, OTTOBRE quando lei vuole smettere ora :o :shock: :twisted: . Questa la dice lunga su quanto la dipendenza da fumo sia considerata roba da ragazzi :roll:
Immagine
Avatar utente
MagaCirce
 
Messaggi: 2120
Iscritto il: 21/03/2012, 12:15
Località: Prov. di Siena

Re: Pacman: che ne pensate?

Messaggioda semola » 28/06/2012, 12:50

MagaCirce ha scritto: anzi qualche volta mi sento anche un pò in difetto rispetto a tutti voi che avete passato momenti assai difficili :) anche se poi mi dico che smettere con sofferenza non è più meritorio che smettere senza soffrire: ciò che conta è il risultato e il benessere personale.


Assolutamente sì, ci mancherebbe altro.
Guarda io ti confesso che non ho voluto provare con i farmaci per l'unico motivo che mi spaventavano i possibili effetti collaterali. Ma perché io sono fifona e sarei andata in ansia. E perché comunque avevo la sensazione di potere gestire la cosa anche senza.
Quello che conta è il risultato, non il mezzo.
Io per sempio non sono tra i fanatici dello smettere di botto senza aiuti. Non credo affatto che sia l'unico modo per smettere, o il più efficace. Anzi alcune delle ricerche che ho visto in giro dicono proprio il contrario.
In verità a molti questo sembra il metodo migliore perché magari ci sono arrivati dopo tre o quattro tentativi con altri metodi. E allora si pensa: ah non ho smesso con il corso, non ho smesso con i cerotti, non ho smesso con la medicina, non ho smesso quella volta che andavo a scalare... ergo tutti questi metodi non funzionano. In verità non è così: è che statisticamente per riuscire a smettere di fumare si fanno diversi tentativi, e in quei tentativi si imparano molte cose che poi diventano utili al momento giusto.
Se io cerco di imparare a fare una cosa e ci provo quattro volte usando quattro sistemi diversi e ci riesco alla quarta a cosa attribuisco il merito? Al fatto che il quarto sistema era quello giusto o al fatto che ho ottenuto un risultato grazie al processo di apprendimento?
Difficile una risposta certa, no?
Almeno io la penso così.. anche se sto divagando rispetto al topic ;)
Respira, sei vivo!
31 marzo 2012
semola
 
Messaggi: 453
Iscritto il: 09/06/2011, 18:16

Re: Pacman: che ne pensate?

Messaggioda MagaCirce » 28/06/2012, 14:39

Mi trovo d'accordo con te, e tutto sommato non sei secondo me neppure andata troppo OT, perchè ammesso che la sperimentazione di questo "vaccino" dia esiti positivi (fermo restando che le case farmaceutiche sono, come dire, entità dalla dubbia moralità.... :twisted: :| ) potrebbe comunque essere una possibilità in più per chi ha provato tante volte e vai a sapere perchè non è riuscito nell'intento di smettere, ovviamente fermo restando che le esperienze fatte, o comunque le capacità introspettive, tornano sicuramente utili ad ogni tentativo e sono imprescindibili IMHO. L'articolo mi ha colpito perchè mi è sembrato molto focalizzato sul fatto che il fumo è una vera e propria dipendenza; se si dice che per smettere di fumare ci vuole un farmaco o un vaccino è un pò come dire che il fumo E' una malattia da curare, cosa che troppo spesso sembra passare in sottordine ;)
Immagine
Avatar utente
MagaCirce
 
Messaggi: 2120
Iscritto il: 21/03/2012, 12:15
Località: Prov. di Siena


Torna a Palliativi e supporti vari

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron